1° Motorally di Febbio: un successo

dal resoconto diretto di Sara Bioli,

Quello disputato domenica tra i monti del comune di Villa Minozzo sulle orme della nota motocavalcata di Febbio è stato il 5° appuntamento del campionato italiano motorally che ha visto circa 200 piloti al via proprio per questo debuttante Motorally di Febbio. Ad organizzarlo il moto club Crostolo che coordinato con il tracciatore ufficiale FMI o meglio Paolo Ceci, ha messo in piedi una gara sulla distanza di 147 chilometri di cui ben 40 in prove speciali. Presenti tutti i big della specialità, alle 8,30 hanno preso il via per un tracciato diverso rispetto ai soliti, infatti le 417 note inserite per l’individuazione del percorso lo hanno reso più enduristico tanto da tenere tutti concentrati per non perdere una nota tra un fuoristrada ricco di insidie dai tanti sentieri da individuare. A fine giornata è stato il campione in carica Jacopo Cerutti a vincere la gara emiliana e con la Husqvarna del Team CF comunication a confermarsi campione anche di questa stagione 2017. Alle sue spalle sul podio assoluto il grande Alessandro Botturi e Mirko Pavan. Miglior pilota del club organizzatore il veteran Mirko Goi nonostante i minuti persi tra gli errori alla prima prova speciale. Questa di avere organizzato una gara in terra emiliana ha dato la possibilità di cimentarsi in questa disciplina delle note a road book a molti specialisti puri dell’enduro. Tra loro il miglior crono è stato realizzato da  Michele Marchelli supportato dal team MR Motosport e per tanti è stata un’esperienza da ripetere. La giornata di questo 1° Motorally di Febbio era anche dedicata a quel campione che fu Angelo Cavandoli ricordato con il trofeo andato al vincente della classe G 1000 vinta da Pierluigi Valentini del moto club Pegaso. Tanti sono stati i buoni risultati tra i piloti, team e moto club emiliani e in concreto li potrete trovare al link sotto. I complimenti per la buona riuscita di questo 1° Motorally di Febbio a tutto lo staff del moto club Crostolo e alle amministrazioni locali che ci hanno creduto dando fiducia a questo Sport delle due ruote motorizzate nel fuoristrada. Infine ma non per ultimi i complimenti anche a tutto lo staff del CIMR.

CLASSIFICHE

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *