Tra storia e antologia il Pranzo dei Campioni del Ghirlandina

IMG_6256Ancora una volta il Pranzo dei Campioni è stato un pezzo di storia del motociclismo. Erano tanti domenica alla polisportiva di San Damaso dove il moto club Ghirlandina – Romano e Walter Villa ha organizzato l’annuale pranzo che ha concluso la scorsa stagione e aperta 48^ del loro 2017. Oltre ai soci anche molti nomi illustri da campioni della moto velocità a quelli del fuoristrada e ognuno coi propri storici racconti dalle radici modenesi che partono dalla famiglia Villa. A coordinare questa festa erano il presidente del moto club Fulvio Vannoni e lo storico Daniele Neri di Macchine Veloci per il fuoristrada. A benedire tutti non poteva mancare il cappellano dei piloti, anche detto don ruspa da Enzo Ferrari, ovvero don Sergio Mantovani. Ma partiamo dai piloti titolati di mondiale come il tre volte campione Pierpaolo Bianchi o a quello della superbike Virginio Ferrari. Non di meno i nostri Claudio Lusuardi e Gabriele Debbia che insieme ai vari Gianfrancesco Bursi e allo stesso Francesco Villa, poi dal team manager Roberto Gallina a Ezio Masheroni e tanti altri della velocità fino ad arrivare ai giovani come Simone Saltarelli da Bomporto che rappresenta il futuro. Poi gli altri del fuoristrada che hanno vinto con le moto Villa arrivati anche dalla Gran Bretagna come i campioni del motocross d’Epoca vedi Tim Grindrod e Robert Sadler, o i nostri Gianluca Gallingani, Franco Ulivi e Lorenzo Orlando. Tutti hanno avuto parole dai grandi ricordi del motociclismo partito anche da quel autodromo dove ora c’è il parco Ferrari. Riconoscimenti a tutti a partire dalla moglie Milena dell’indimenticabile Walter Villa ricordato con parole tuonanti dal fratello Francesco, affermando che ha ricevuto più gloria ora che quando era tra loro. Inoltre premio al giovanissimo Gianluca Bartoli da parte di Simona Villa per il Memorial Walter Villa che si replicherà anche quest’anno, e al primo presidente del moto club Franco Cottafavi. Decisamente una interessante festa all’insegna del motociclismo e della sua storia modenese.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *