Campogalliano: Più forti del fango

Purtroppo le condizioni climatiche avverse hanno condizionato domenica quella che doveva essere la sesta prova del Campionato Regionale FMI di Motocross e Minicross. Non è bastato la buona volontà degli organizzatori dello stesso moto club Polisportiva Campogalliano e la collaborazione dei piloti presenti. Il meteo avverso già dal sabato notte aveva compromesso lo svolgimento della gara ma poi il non piovere aveva dato una speranza almeno alle gare del Motocross che sono andate in scena almeno per la loro prima manche. I risultati hanno visto il trionfo di Cristian Furlotti nella MX1 giusto davanti al terribile Under romagnolo Andrea Gorini con al seguito a pieni giri, Davide Bertugli e Mirco Tincani. Al traguardo staccati ma vincente anche il trio dei piloti Nazionali vinta da Andrea Baldi su Federico Ballarini e Flavio Corsini. Scalando tra le fila della MX2 è stato Federico Ferrari ad avere la meglio su tutti e in questa SCMX2 alle sue spalle a pieni giri sono arrivati anche Kevin Cattani, Edoardo Bersanelli e Mirco Munari, mentre tra i Nazionali è stato Alessandro Costi, anche 5° assoluto, ad imporsi su Mirco Raspanti e Mattia Buda. Nella ottavo di litro a due tempi della 125cc è stato lo Junior, Riccardo Nicoli a tagliare il traguardo per primo giusto sul Senior, Gianluca Faccioli e a chiudere il podio assoluto ancora uno Junior, Andrea Bonifacio. A salire sugli altri due posti del podio Senior anche Matteo Piumi e Andrea Brigliadori mentre sul 3° gradino dello Junior è Mattia Capuzzo a salire. Infine la classe Veteran e Amatori vinta dal neo Veteran emiliano Ivan Biagini sul romagnolo Ivan Morara con al seguito a pieni giri Maurizio Bontadini e Antonio Ciampi oltre a Elia Vignoli vincente della Amatori mentre a completare questo altro podio anche Andrea Ottomani e David Pasquali. Unico arrivato in classifica tra i Superveteran è stato Marco Vannelli.

CLASSIFICHE

Immagini di Lorenzo Anelli  da WWW.Motocrossromagna.it

IMMAGINI

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *