MXGP Lettonia: a Herlings e Olsen le vittorie

Ancora sabbia per questo settimo appuntamento del mondiale motocross delle classi MXGP e MX2, disputato lo scorso fine settimana sul tracciato lettone di Kegums. Dopo le qualifiche del sabato, confermati anche nelle gare del Gran Premio i valori in campo. Infatti nella classe regina della MXGP è stato un successo pieno del campione olandese Jeffrey Herlings vincente in entrambe le finali mentre nella MX2 il danese Thomas Kjer Olsen si è imposto nell’assoluta grazie alla vittoria di gara uno. Nella successiva la vittoria è andata al leader Pauls Jonass che si giocava la gara in casa e a fine giornata si è dovuto accontentare del secondo assoluto. Di certo è andata meglio che all’altro leader della MXGP incappato in una giornata negativa con tanto di brutta caduta fortunatamente senza fratture. Per il campione in carica Tim Gajser alla fine solo 17°, la perdita della tabella rossa ritornata su quella Ktm 222 di Antonio Cairoli, 2° assoluto e finora unico a tenere il passo per contrastarlo. Ma andiamo ad analizzare i risultati dei nostri piloti portacolori emiliani. Restando in questa MXGP è ancora il belga Jeremy Van Horebeek ad essere il migliore, questa volta giungendo 9° assoluto poi il suo compagno di squadra alla Yamaha factory Monster ovvero Romain Febvre 13° e continuando a scendere al 21° è giunto Ken De Dycker con la Suzuki del Jtech Valenti e al 23° ancora a punti lo svizzero Valentin Guillod portacolori della Honda RedMoto by Assomotor. Purtroppo doppio zero per il compagno Alessandro Lupino ancora alle prese dall’infortunio olandese. Anche nella MX2 c’è stata una giornata no, almeno per Jeremy Seweer che ha realizzato uno zero in gara due e a fine giornata ha chiuso con un 9° assoluto. Se si pensa a quel 2° in gara uno è stato decisamente negativo il secondo risultato. Per i nostri italici piloti il migliore è stato Samuele Bernardini 21° mentre Michele Cervellin è giunto 24° e sono gli unici due ad aver preso punti.

CLASSIFICHE   

Immagine da MXGP

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *