Pelloni di nuovo in Africa e al fianco di Carlos Checa nel Merzouga Rally

dal Comunicato Stampa del Team RT73 by Adriano Dondi

All’arrivo a Dakar della Africo Eco race 2017, ci aveva detto “finalmente il mio sogno si è avverato. Ho visto il Lago Rosa ed ora con i Rally Africani ho chiuso”. Sono passati soli tre mesi da quelle parole, ed un nuovo ed interessante progetto si è fatto avanti nella testa di Stefano. E’ bastata una telefonata nella quale si ventilava la possibilità di ritornare a correre nelle distese desertiche e sulle dune di sabbia, ed ecco che il MAL D’AFRICA è ricomparso. Con il passare dei giorni questo ipotetico progetto ha preso sempre più piede ed ora è diventato realtà. Stefano Pelloni sarà al via del prossimo MERZOUGA RALLY che si disputerà in Marocco dal 7 al 12 maggio. Ma questa volta il “PELO” non sarà in sella ad una due ruote ma bensì ad una quattro ruote e più precisamente ad un Polaris Razor nella categoria SxS ed il suo ruolo sarà quello di indicare la strada a Carlos Checa, si proprio lui, il Campione del Mondo 2011 della SBK e protagonista anche nei Mondiali classe 500 e MotoGP.

STEFANO PELLONI

“Mi arriva una telefonata da un amico che mi dice se avevo voglia di fare una esperienza come navigatore. Ovviamente la mia prima domanda è stata quella di sapere chi era il pilota, ma quando ho sentito il nome ho detto al mio amico di non scherzare. Il nome in questione è stato quello di Carlos Checa e quando mi hanno assicurato che era tutto vero, ho iniziato a ragionare e la voglia di tornare sulle dune africane ha preso il sopravvento. Ad essere sincero, appena terminata la mia ultima Africa Eco Race, mi ero mosso perché mi interessava provare questa esperienz, ma non pensavo arrivasse così presto. Correremo con un Polaris Razos 1.000 Turbo che ci è stato messo a disposizione da Enjoy Quads di Terrazza e che sarà al Merzouga con altri quad. nei due giorni che sono stato a Barcellona, ho sistemato tutta la parte della strumentazione ed ho iniziato a far conoscere a Carlos i simboli che caratterizzano il Road Book. Il tre di maggio partiti per il Marocco dove hanno  fatto qualche test per controllare tutto ed anche per fare un po’ di affiatamento. Saranno sei giorni di gara con la prima speciale in notturna e poi, a seguire, le varie tappe fino al 12 maggio”.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *