Cairoli docet agli Internazionali ma bravi anche Lupino e Furlotti

951 FurlottiCambia il fondo ma è sempre il campione Antonio Cairoli ad imporre la sua legge agli Internazionali d’Italia Motocross 2017. Oggi i il secondo round di questi campionati, che hanno richiamato molti dei piloti che faranno il mondiale, è andato in scena sul tracciato romano dal fondo duro di Malagrotta. Bene hanno figurato anche i nostri portacolori locali che si sono distinti. Come da programma ad entrare in pista per primi sono stati i giovanissimi della 125cc seguiti poi dalla MX2 e dalla MX1. Partiamo dunque dal risultato del quattordicenne reggiano Mattia Capuzzo del gruppo sportivo Fiamme Oro ma in sella alla Ktm del modenese team Apex. Una giornata migliorativa rispetto all’esordio di Riola, infatti nell’assoluta vinta di nuovo da Gianluca Facchetti ha ottenuto un 18° dopo essere arrivato 17° in gara uno e 18° in gara due. Una categoria questa che sembra aver trovato nei giovani Gianluca Faccetti e Alessandro Mannucci entrambi sulle Husqvarna di Maddii gli unici a contendersi questo primo titolo 2017.  A sua volta erano i piloti della MX2 a schierarsi al cancello per la loro manche unica vinta dal belga Julien Lieber. Per i nostri il miglior risultato lo ha ottenuto Simone Furlotti in sella alla Yamaha 250 del SM Action M.C. Migliori ottimo 8° mentre Alberto Forato in sella alla Honda 250 Red Moto di Assomotor è giunto 12° ed entrambi sono approdati alla super finale Elite. Più staccati Michael Mantovani con la Yamaha 250 SM Action M.C. Migliori, alla sua prima gara di stagione dopo l’infortunio invernale, è giunto 29° e al 33° l’atro compagno di squadra Simone Zecchina. Per questa classe la lotta al campionato rimane aperta anche se lo spagnolo Jorge Pardo Garcia oggi 3°  rimane leader seguito da Michele Cervellin in recupero.  Il clou è arrivato dalla MX1 dove ancora una volta Cairoli si è messo alle spalle i rivali del mondiale come Van Horebeek, il campione in carica Gajser, Febvre, Bobryshev e Coldenhoff.  Alle loro spalle, per i colori carpigiani di Assomotor, con una ottima prestazione Alessandro Lupino in sella alla Honda Red Moto 450 che ha chiuso la manche al 7° posto. Infine la sfida Elite, tra i migliori 20 di Mx2 e MX1, dove Cairoli ha vinto di nuovo fotocopiando la gara MX1 e i nostri hanno ben figurato, Alessandro Lupino ha tagliato il traguardo in 12^ piazza mentre Simone Furlotti con la piccola MX2 è giunto 23°. Inutile dire che la MX1 e la Elite sono capeggiate a punteggio pieno da Cairoli ma con il punteggio attuale tutto rimane ancora aperto per il terzo atto di domenica prossima sulla sabbia lombarda di Ottobiano.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *