Sul filo di lana la ripartenza di Ceci e Bioli

Con la riparazione di oggi al bivacco di Dakhla, l’avventura della coppia Paolo Ceci e Sara Bioli a questa Africa Eco Race sembra continuare. Dopo l’odissea nelle cinque tappe della prima settimana di gara tra il fuoristrada del Marocco mai senza noie oggi nel giorno di riposo per il nostro equipaggio e tutto il Paolo Ceci Racing Team è stato un giorno intenso di lavoro. Infatti dopo essere arrivati a Dakhla al tramonto di sabato sera è scattata l’poerazione per risolvere quel surriscaldamento al Polaris RZR 1000 turbo contraddistinto dal numero 254. Con la regia meccanica di Paolo Bressan, e quella del tutto fare dalla cucina alla logistica di Magia Mirko Macchioni, per tutta la notte tutto il team prignanese ha smontato il quad biposto e con il motore aperto hanno appurato il difetto nella guarnizione della testa crepata. Tutti alla ricerca di questo pezzo di ricambio ma dalle prime risposte solo soluzioni tecniche del tipo lana pura al 100 per 100 come conduttore di saldatura. Ma in realtà è stato preso in carico il suggerimento dell’istrione Franco Picco che ha suggerito il nastro d’amianto.  Riparata insomma con quello trovato al bivacco, ieri il primo collaudo non ha dato risultati confortanti, tanto da essere trainato e riportato al box assistenza del moto club Il Monte. Nel frattempo sembra essere sbucata una guarnizione e mentre scriviamo è stata cambiata nella notte. Se tutto e andato al meglio oggi si presenteranno al via della sesta tappa di gara con l’ingresso in Mauritania. Certo ripartiranno dopo aver preso la forfettaria che li ha portati al penultimo posto nella categoria auto e camion e all’ultimo tra i Sidebyside. Ma domani, incrociando le dita, avranno da percorrere 560 km di cui gli ultimi 177 in prova speciale tra le dune desertiche da navigare fino al bivacco di Chami. Di certo sarebbe proprio un bel regalo nella notte della Befana considerando la distanza.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *