Finita la km 100 la Dakar di Ceci mentre vola Pelloni ora 4°

pelo-106-desert Ancora una volta il deserto della Mauritania ferma uno dei protagonisti a questa Africa Eco Race edizione 2017. Purtroppo per i nostri colori modenesi a fermarsi oggi tra le dune della ottava tappa di questo grande rally africano è stato Paolo Ceci. La sua amata Honda Africa Twin lo ha appiedato a causa della rottura della frizione e così è svanito il suo sogno di riportare questa bicilindrica la dove fu vittoriosa oltre trenta anni or sono. Per il prignanese partito, con il suo Paolo Ceci Racing Team, per questa sua prima originaria “Dakar” la corsa si è conclusa dopo aver attraversato tutto il Marocco con le sue 6 tappe ed essere arrivato in Mauritania. Qui la prima vera tappa dove ha sofferto il peso della sua bicilindrica tra le dune e la sabbia soffice, e sul finire anche qualche noia di surriscaldamento. Al bivacco di Tiwilit, dove erano giunti, lo stesso pilota da Priganano si era dichiarato soddisfatto della sua Honda ed era fiducioso sul proseguo della competizione. Oggi  sono ripartiti per arrivare ad Azougui dopo 23 km di trasferimento poi 425 di speciale tra il Sahara e i restanti 5 per giungere al nuovo bivacco.Pecato che ieri si sia dovuto arrendere al km 100 e aspettare il camion scopa. Fortunatamente ieri a tenere alti i colori modenesi ci ha pensato Stefano Pelloni che con la Ktm 450 del team Movisport AMX ha ottenuto un brillante 6° posto di giornata nella tappa vinta di nuovo da Ullevalseter ora temibile per la vittoria finale. Con questo risultato il vignolese Stefano Pelloni è anche risalito al 4° posto nella generale dove comanda sempre il sudafricano Sella. Oggi si riparte per la prova del nove con un’altra tappa da Azougui a Akjoujt di 465km di cui 391 in speciale sempre tra le dune e la soffice sabbia del deserto della Mauritania.ceci-in-attesa

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *